Terapie Strumentali

Sono ormai largamente noti gli effetti benefici che le terapie strumentali hanno in campo riabilitativo; specie in ambito traumatologico e post-chirurgico, si lotta quotidianamente per ottimizzare e velocizzare i risultati del trattamento, al fine di restituire in tempi sempre più brevi i pazienti alle loro attività lavorative e quotidiane. Pertanto è necessario pensare a strategie che permettono di ridurre la sintomatologia e accelerare i processi di guarigione.

Tra la moltitudine di macchinari che sono stati creati e si sono affermati negli ultimi anni per i loro effetti benefici, la scelta di un macchinario piuttosto che di un altro in un trattamento riabilitativo non è semplice.

Lo Studio Fisioterapico GT è attrezzato per effettuare le principali terapie strumentali:

Onde d'urto extracorporee focalizzate (ESWT)

Le onde d’urto extracorporee sono fattori di stress meccanico in grado di indurre delle mutazioni biochimiche nei tessuti. Questa terapia costituisce una delle poche tecnologie mediche in grado di trattare in maniera efficace le sindromi da dolore cronico del sistema muscoloscheletrico.

Piezoson 100Plus rappresenta oggi il più innovativo strumento per la cura di:

  • Epicondilite - Gomito del tennista
  • Epitrocleite - Gomito del golfista
  • Tendinopatia calcifica e non della spalla
  • Trocanteriti
  • Tendinopatia Rotulea
  • Tendinopatia Achillea
  • Trattamento dei trigger point
  • Pseudoartrosi
  • Sindrome da stress tibiale
  • Talalgia plantare

Tecarterapia

Il generatore di tensione determina uno sviluppo di energia endogena a livello dei tessuti biologici. La tecarterapia stimolando pertanto energia dall’interno dei tessuti, a differenza di altre terapie fisiche, attiva i normali processi riparativi e antiflogistici dell’organismo.

Laserterapia

ll laser è un dispositivo in grado di emettere un fascio di luce coerente, monocromatica e, con alcune eccezioni, concentrata in un raggio rettilineo estremamente collimato attraverso il processo di emissione stimolata.
Gli effetti del laser sono molteplici: effetto antinfiammatorio, antalgico, rigenerativo del tessuto connettivo, biostimolante sul microcircolo e sui vasi sanguigni.

Ultrasuonoterapia

L’ultrasuonoterapia è classificata come terapia termica meccanica e a seconda dei parametri impostati si ottiene un effetto termico o un micromassaggio nei segmenti del tessuto trattato.
Gli effetti dell’ultrasuonoterapia possono essere riassunti in: iperemia, accelerazione della funzione metabolica, aumento dell’elasticità del tessuto connettivo, accelerazione del processo di guarigione.

Magnetoterapia

Gli effetti biologici indotti dai campi magnetici nel nostro organismo sono alla base dell’utilizzo della magnetoterapia in campo fisioterapico. Tali effetti biologici si traducono in: un’azione antiflogistica, antiedemigena ed un effetto stimolante la riparazione tissutale.

Elettroterapia

Il termine "elettroterapia" indica l'utilizzazione a scopo terapeutico dell'energia elettrica in tutte le sue forme. Dalla corrente continua alle correnti variabili…

L'elettroterapia antalgica è indicata per le affezioni muscolari, dolorose e nervose (soprattutto le nevriti) e le radicoliti ( sciatalgia, cruralgia etc.).

L’elettroterapia stimolante provoca la contrazione di un muscolo o di alcune fibre.
Lo stimolo del muscolo si rivela efficace a patto che:

  • la corrente sia sufficientemente INTENSA
  • la variazione di intensità sia RAPIDA
  • l'azione avvenga per un certo TEMPO secondo rapporti ben definiti
In ogni caso è importante una contrazione ben visibile per poter ottenere una valida stimolazione.